Phos

Fine Art Images for Interior Design

Trees

Once we were trees

Proprio stamani ho trovato, per caso, un vecchio catalogo di Ruggero Savinio e la prima riproduzione che ho visto, aprendolo, è stata quella di Pini, un olio su tavola di due metri per uno, che mi ha commosso e spinto immediatamente all’acquisto del libro. Stasera mi chiama Carlo Valentini e mi ordina, perentoriamente, di scrivere sulle sue immagini di alberi, specificando e pregandomi di riportare la sua dichiarazione: “Ho cominciato a fotografare alberi per il disgusto che mi suscita il genere umano indistinto”. Saranno anche coincidenze… Tra l’altro, cosa che non credo lui sappia, è la mia passione per l’arborea figurazione artistica che costituisce il nucleo della mia piccola collezione.

Sono quindi andato a vedere il suo lavoro trovando conferma alle mie impressioni. Che cioè le sue foto non sono semplici immagini di piante ma il tentativo di dialogare con queste creature vegetali, di carpirne il silente linguaggio, di interrogarne i centenari segreti. Senza trucchi e senza inganni.

Al cospetto di quella creatura simbolica quanto aliena che è l’albero, la cui caparbia passività nel cercare la luce è quasi metafora dell’atto stesso del fotografare, lo ha condotto su sentieri diversi. Innanzitutto ad un bagno di umiltà, da humus che è il terreno nel quale affondano le radici che nutrono i suoi soggetti; qui non si tratta di cogliere l’attimo fuggente di un’espressione o di un avvenimento: un pino o un cipresso non si muovono, neanche con il vento. La loro posa è immobile, apparentemente. Difficile è coglierne lo stormire delle foglie, il lacrimare delle resine, l’odore che gli regala la pioggia. Lo si può fare solo frequentandoli a lungo, nelle diverse stagioni, negli stessi luoghi, stabilendo con loro un contatto che magari non arriverà all’amicizia, ma almeno alla reciproca consuetudine.

È proprio tutto questo a trasformare le immagini di Karlo in altro, vicine a certi acquerelli o stampe: di Morandi o più ancora di Gérard de Palézieux.

Citerò ancora una volta il mio prediletto Enrico Filippini: «Sì, abbiamo visto, abbiamo toccato, abbiamo annusato, abbiamo respirato, abbiamo visto molti alberi, abbiamo cercato gli alberi, o forse negli alberi abbiamo cercato un segreto che gli alberi non possono tradire. Possono regalarti soltanto il colore delle foglie».

Per fortuna Valentini non si è fermato a tale dono e le sue foto ci restituiscono, con pudore ed emozione, più di una confidenza del mondo delle piante. Insinuando il sospetto che forse un tempo eravamo alberi. O lo saremo di nuovo.

Fabio Norcini

Abbiamo realizzato le nostre migliori immagini con la passione di un vero artigiano.
Le abbiamo stampate in tiratura limitata e certificata, sui migliori supporti da collezione, "a regola d'arte" come si insegnava a fare un tempo.
L'abbiamo fatto col cuore, indubbiamente per noi stessi, con e per i nostri occhi: vorremmo condividerle con voi, "per denaro".
Siamo convinti che le immagini di questa galleria potranno inserirsi nei vostri spazi di vita e di lavoro restituendovi una esperienza di bellezza non effimera. Usate il vostro buon gusto e fate come noi...fatelo per voi e per gli occhi di chi amate. Buona visione

We have made our best images with the passion of a true craftsman.
We printed them in a limited and certified edition, on the best collectible media, "in a workmanlike manner" as we were taught to do in the past.
We did it with the heart, undoubtedly for ourselves, with and for our eyes: we would like to share them with you, "for money".
We are convinced that the images in this gallery will fit into your living and working spaces, giving you a non-ephemeral beauty experience. Use your good taste and do as we do ... do it for you and for the eyes of those you love. Good vision